TIMER MULTIFUNZIONE

Progetto brevettato, consentito riproduzione e uso per soli fini privati e/o per scopi didattici.  Grazie

Chi fosse interessato allo sfruttamento del progetto mi puo' contattare tramite piattaforma google+








Il circuito di figura 1 permette di realizzare un TIMER alimentato a 9-15 V DC (anche a 220V anteponendo al circuito un'alimentatore di voltaggio opportuno) che svolge le seguenti funzioni:

FUNZIONAMENTO COME LAMPEGGIATORE ----- > JP2 e JP3 aperti
Si sfrutta direttamente il led dedicato del temporizzatore (ponticellare nel circuito stampato CK1 e CK2).

FUNZIONAMENTO COME RELE' TEMPORIZZATO CICLICO ----- > JP2 aperto e JP3 chiuso microswitch 1 ON , sw da 2 a 4OFF
Questo tipo di funzionamento crea una sequenza di ON-OFF (lampeggio) con tempi di attrazione e rilascio del relè Z regolabili a piacimento.
Si utilizzano direttamente i morsetti d'uscita denominati OUT. Notare che i tempi di ON e OFF sono modificabili tramite gli appositi trimmer R2 e R3 (da qualche microsecondo a decine d'ore). Si sfrutta l'uscita “bit 20” della tabella dei tempi di Figura 2.

FUNZIONAMENTO COME TIMER RITARDATORE ----- > JP2 e JP3 chiusi microswitch da 2 a 4 ON uno alla volta
Questa funzione permette di ottenere un ritardo all'eccitazione del relè Z, impostabile tramite i trimmer R2 ed R3 e i microswitch , la quale può essere sfruttata per innumerevoli utilizzi.
Sfruttando i contatti NA ed NC potremo realizzare un circuito che fornisca alimentazione in uscita dopo un certo tempo dall'accensione del circuito (ON ritardato) oppure che fornisca alimentazione per un certo tempo (OFF ritardato).
Dimensionando il circuito con i seguenti componenti otteniamo tempi che si avvicinano alla tabella di figura 2.

ELENCO COMPONENTI X 1 TEMPORIZZATORE
NB:Tutte le resistenze della lista sono da 1/8 di watt e i condensatori da 35 V.
  1. n° 2 Resistenze variabili da 47 KΩ (trimmer, R2 ed R3)
  2. n° 5 Led (di cui 1 di colore diverso per distinguere il segnale di clock)(passo 5 mm)
  3. n° 6 Resistenze da 330 Ω (R1)
  4. n° 1 Resistenza da 1500 Ω (R4)
  5. n° 1 Resistenza da 1000 Ω (RL)
  6. n° 1 Transistor NPN BC107B o equivalenti
  7. n° 2 Jumper (JP2 e JP3)(ponticello 2 contatti maschio e femmina)
  8. n° 2 Morsetti a doppia vite (per IN e per OUT)
  9. n° 1 Relè 12V, (Z) (mod.S4, 2 contatti di scambio, 5A)
  10. n° 1 Integrati tipo NE 555
  11. n° 1 Integrati TC 40161 BP
  12. n° 1 Banchi da 4 microswitch (dipswitch)
  13. n° 1 Condensatore da 1000 microF (C1) (verticale elettrolitico)
  14. n° 1 Condensatore da 0,01 microF (C2) (poliestere box e passo 5mm)
  15. n° 1 Condensatore da 22 microF (C3) (verticale elettrolitico)

TABELLA DEI TEMPI IN RELAZIONE AGLI SWITCH COMMUTATI

CLOCK
Tempo
Fase
BIT 23
BIT 22
BIT 21
BIT 20
A riposo 0 sec Alim Off
o
o
o
o
Incremento su fronte di salita 1° imp. di CK 0 sec Z=ON
0
0
0
1sw1=ON
2° imp. di CK dopo un minuto circa 60 sec Z=ON
0
0
1sw2=ON
0
3° imp. di CK 120 sec
0
0
1
1
4° imp. di CK 180 sec Z=ON
0
1sw3=ON
0
0
5° imp. di CK 240 sec
0
1
0
1
6° imp. di CK 300 sec
0
1
1
0
7° imp. di CK 360 sec Z=ON
1sw4=ON
1
1
1
8° imp. di CK 420 sec
0
0
0
0
NB: SW ON dove riportato e OFF per gli altri





    - Figura 2 -



    Figura 3


  • In figura 3 ho riportato il prototipo come si deve presentare, le dimensioni della basetta sono 6,5 X 6,5 cm circa.
Il circuito di figura 1 permette di realizzare un TIMER alimentato a 9-15 V DC (anche a 220V anteponendo al circuito un'alimentatore di voltaggio opportuno) che svolge le seguenti funzioni:

FUNZIONAMENTO COME LAMPEGGIATORE ----- > JP2 e JP3 aperti
Si sfrutta direttamente il led dedicato del temporizzatore (ponticellare nel circuito stampato CK1 e CK2).

FUNZIONAMENTO COME RELE' TEMPORIZZATO CICLICO ----- > JP2 aperto e JP3 chiuso microswitch 1 ON , sw da 2 a 4OFF
Questo tipo di funzionamento crea una sequenza di ON-OFF (lampeggio) con tempi di attrazione e rilascio del relè Z regolabili a piacimento.
Si utilizzano direttamente i morsetti d'uscita denominati OUT. Notare che i tempi di ON e OFF sono modificabili tramite gli appositi trimmer R2 e R3 (da qualche microsecondo a decine d'ore). Si sfrutta l'uscita “bit 20” della tabella dei tempi di Figura 2.

FUNZIONAMENTO COME TIMER RITARDATORE ----- > JP2 e JP3 chiusi microswitch da 2 a 4 ON uno alla volta
Questa funzione permette di ottenere un ritardo all'eccitazione del relè Z, impostabile tramite i trimmer R2 ed R3 e i microswitch , la quale può essere sfruttata per innumerevoli utilizzi.
Sfruttando i contatti NA ed NC potremo realizzare un circuito che fornisca alimentazione in uscita dopo un certo tempo dall'accensione del circuito (ON ritardato) oppure che fornisca alimentazione per un certo tempo (OFF ritardato).
Dimensionando il circuito con i seguenti componenti otteniamo tempi che si avvicinano alla tabella di figura 2.

ELENCO COMPONENTI X 1 TEMPORIZZATORE
NB:Tutte le resistenze della lista sono da 1/8 di watt e i condensatori da 35 V.
  1. n° 2 Resistenze variabili da 47 KΩ (trimmer, R2 ed R3)
  2. n° 5 Led (di cui 1 di colore diverso per distinguere il segnale di clock)(passo 5 mm)
  3. n° 6 Resistenze da 330 Ω (R1)
  4. n° 1 Resistenza da 1500 Ω (R4)
  5. n° 1 Resistenza da 1000 Ω (RL)
  6. n° 1 Transistor NPN BC107B o equivalenti
  7. n° 2 Jumper (JP2 e JP3)(ponticello 2 contatti maschio e femmina)
  8. n° 2 Morsetti a doppia vite (per IN e per OUT)
  9. n° 1 Relè 12V, (Z) (mod.S4, 2 contatti di scambio, 5A)
  10. n° 1 Integrati tipo NE 555
  11. n° 1 Integrati TC 40161 BP
  12. n° 1 Banchi da 4 microswitch (dipswitch)
  13. n° 1 Condensatore da 1000 microF (C1) (verticale elettrolitico)
  14. n° 1 Condensatore da 0,01 microF (C2) (poliestere box e passo 5mm)
  15. n° 1 Condensatore da 22 microF (C3) (verticale elettrolitico)

TABELLA DEI TEMPI IN RELAZIONE AGLI SWITCH COMMUTATI

CLOCK
Tempo
Fase
BIT 23
BIT 22
BIT 21
BIT 20
A riposo 0 sec Alim Off
o
o
o
o
Incremento su fronte di salita 1° imp. di CK 0 sec Z=ON
0
0
0
1sw1=ON
2° imp. di CK dopo un minuto circa 60 sec Z=ON
0
0
1sw2=ON
0
3° imp. di CK 120 sec
0
0
1
1
4° imp. di CK 180 sec Z=ON
0
1sw3=ON
0
0
5° imp. di CK 240 sec
0
1
0
1
6° imp. di CK 300 sec
0
1
1
0
7° imp. di CK 360 sec Z=ON
1sw4=ON
1
1
1
8° imp. di CK 420 sec
0
0
0
0
NB: SW ON dove riportato e OFF per gli altri





    - Figura 2 -
  • In figura 3 ho riportato il prototipo come si deve presentare, le dimensioni della basetta sono 6,5 X 6,5 cm circa.
-Figura 3-

Descrizione funzionamento
Quando alimentiamo il circuito tramite l'ingresso “IN” facciamo partire il conteggio del contatore alimentando gli integrati NE555 e 40161. (Bisogna rispettare la polarità altrimenti si potrebbero danneggiare gli integrati).
Il conteggio provoca la commutazione dei bit dal meno significativo al più significativo (vedi tabella di figura 3) per cui non facciamo altro che sfruttare tale commutazione per ottenere l'impulso che farà innescare il transistor e di conseguenza attrarre il relè Z che a sua volta si automanterrà col suo contatto Z1.
Il ritardo nella commutazione dipende dal circuito astabile dell' NE555 e dal CK che produce in uscita per cui la regolazione dei tempi si ottiene semplicemente regolando il periodo del segnale in uscita dal piedino 3 del NE555 tramite i due trimmer R2 ed R3.

AVVERTENZE
Non mi assumo responsabilità dirette o indirette per danni provocati a cose e persone derivanti dall'utilizzo del seguente progetto.
Il progetto è in corso di brevettazione per cui non si autorizzano utilizzi diversi da quello didattico e/o privato.

Chi desiderasse il file PCB in formato FIDOCAD per realizzare il prototipo di figura 1 o volesse mandare commenti e critiche riguardo questo circuito può contattarmi all' indirizzo zudamix@virgilio.it sarò ben lieto di rispondere.

LINKs
Il mio sito sulla telefonia: http://www.casadeltelefono.135.it
Per scaricare FIDOCAD basta fare una breve ricerca in internet.

-Figura 3-

Descrizione funzionamento
Quando alimentiamo il circuito tramite l'ingresso “IN” facciamo partire il conteggio del contatore alimentando gli integrati NE555 e 40161. (Bisogna rispettare la polarità altrimenti si potrebbero danneggiare gli integrati).
Il conteggio provoca la commutazione dei bit dal meno significativo al più significativo (vedi tabella di figura 3) per cui non facciamo altro che sfruttare tale commutazione per ottenere l'impulso che farà innescare il transistor e di conseguenza attrarre il relè Z che a sua volta si automanterrà col suo contatto Z1.
Il ritardo nella commutazione dipende dal circuito astabile dell' NE555 e dal CK che produce in uscita per cui la regolazione dei tempi si ottiene semplicemente regolando il periodo del segnale in uscita dal piedino 3 del NE555 tramite i due trimmer R2 ed R3.

AVVERTENZE
Non mi assumo responsabilità dirette o indirette per danni provocati a cose e persone derivanti dall'utilizzo del seguente progetto.
Il progetto è in corso di brevettazione per cui non si autorizzano utilizzi diversi da quello didattico e/o privato.

Chi desiderasse il file PCB in formato FIDOCAD per realizzare il prototipo di figura 1 o volesse mandare commenti e critiche riguardo questo circuito può contattarmi all' indirizzo zudamix@virgilio.it sarò ben lieto di rispondere.

LINKs
Il mio sito sulla telefonia: http://www.casadeltelefono.135.it
Per scaricare FIDOCAD basta fare una breve ricerca in internet.